Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

E’ smart il Wifi offerto dal bar

Entrare il bar, ordinare caffè e brioche e navigare. E' smart, di routine negli Usa, ma questa abitudine  finora non è ancora riuscita a decollare in Italia. Negli Usa, per esempio, Starbucks ha costruito una parte del proprio successo anche sull’offerta di accesso gratuito al web. L’Italia oggi ha l’occasione per recuperare il troppo tempo perso. Bar, discoteche e tutti gli altri esercizi pubblici del belpaese possono offrire gratis la connettività ai clienti. E’ l’effetto dell’abrogazione del decreto Pisanu e il semaforo verde è confermato dalla Fipe, la Federazione italiana pubblici esercizi aderente a Confcommercio-Imprese per l’Italia. Tutto bene? Insomma viene voglia di dire di si sperando che in tempi rapidi bar, hotel, discoteche sposino al più presto questa possibilità. Opportunità che sarà sicuramente apprezzata dai turisti stranieri. In Svizzera hanno capito che il wifi è una buona arma commerciale e, nel locarnese sta prendendo vita un interessante progetto che coinvolgerà le strutture alberghiere nel comprensorio dell’ente turistico lago Maggiore. Questi hotel hanno a disposizione di un contributo a fondo perduto, pari al 30% dell’investimento necessario, per dotarsi della copertura wireless gratuita in tutte le camere e gli spazi comuni. Un sussidio che gioca tutte le sue carte proprio sull’attrattività e dei servizi offerti (e apprezzati) agli ospiti. Il ragionamento è lineare: i turisti stranieri non rinunciano al collegamento a internet quindi è meglio aiutare le strutture ad offrirlo.

  • Camillo Lucariello |

    In effetti qualche bar di Milano si è attrezzato e già da qualche anno ha cominciato a offrire il WiFi gratuito. In fondo l’investimento è limitato e il ritorno può essere molto interessante.

Post Successivo